Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

La musica klezmer approda a Broadway

16 Luglio / 21:30 - 22:30

Gratuito

Presentazione

Il musical deve molto alla cultura ebraica e particolarmente a quell’Europa orientale in cui si parlava Yiddish e a quei fermenti creativi straordinari nati dall’evolvere della musica klezmer. Suonatori e cantanti girovaghi spesso poverissimi, i klezmorim, formavano gruppi numerosi di strumenti ad arco e a fiato ed erano molto richiesti per animare feste, matrimoni e funerali, presso comunità ebraiche o in ambiti sociali diversi.

Attori, musica e danza si riunivano in occasione del Purimspiel, la recita del Carnevale ebraico, che porterà alla nascita del Teatro Yiddish moderno. In Europa sarà dapprima il Cabaret tedesco di Berlino a far tesoro di questo patrimonio vivacissimo e sfolgorante; le persecuzioni naziste spingeranno i più fortunati nella Goldene Medine, la Terra d’Oro, già meta di una forte immigrazione ebraica da più di un secolo.

Molti musicisti in America troveranno la loro grande occasione ed un esempio significativo è “Bei mir bistu sheyn” di Shalom Segunda: basterà tradurre il testo in inglese e trovare il giusto interprete, per trasformare un brano di nicchia, rivolto a nostalgici migranti, in un successo clamoroso. Broadway se ne accorgerà presto ed infatti molti grandi compositori di musical hanno origini ebraiche, a partire da George Gershwin, che in alcune sue opere realizza sonorità oscillanti tra il cabaret berlinese e la musica klezmer.

Ebraici sono spesso i temi e l’atmosfera, la malinconia immediatamente seguita da un lampo di gioia, la nostalgia e l’impeto di amore. Tutto questo troviamo anche in Somewhere tratto da “West Side Story” di Leonard Bernstein; anche ne “Il violinista sul tetto” di Jerry Bock: andato in scena per la prima volta nel 1964, acclamato come un evento fra i più rivoluzionari nel panorama teatrale degli Anni Sessanta contribuì, insieme a West side story, alla nascita di una nuova era per il musical americano. Fu un successo incredibile di pubblico e di critica che andò avanti fino al 1972. Da non dimenticare una versione cinematografica del 1971, vincitrice di tre premi Oscar. (Cinzia Bauci)

Il concerto

Brano di benvenuto dei klezmorim (cantastorie dell’Europa Orientale)
Evenu Shalom
Tradizionale piemontese legato a Pesach (Pasqua ebraica)
Il capretto
Tradizionale sefardita per Hannukah (Festa dei lumi d’inverno)
Ocho kandelikas
Tradizionale di Purim (Carnevale ebraico)
Fate onore al bel Purim
Yiddish Tango
Friling
Niggun (canto senza parole di tradizione askenazita)
Warshaw – Tants Yedelekhs tants
Kurt Weill
Morität,  da L’Opera da tre soldi
George Gershwin
Un americano a Parigi, tema principale
Jerry Bock
Matchmaker, da Il violinista sul tetto
Leonard Bernstein
Somewhere,  da West Side Story
M.David e Al Hoffman, 
I sogni son desideri,  da Cenerentola
Shalom Segunda
Bei mir bist Du schein
Yiddish Song 
Tumbalalaika
Wedding Jewish Song 
Choson kale

Luogo

Levanto
Chiesa di S. Andrea
Levanto, 19015 Italia

Organizzatore

Festival Amfiteatroff
Telefono:
0187 809111
Email:
festivalamfiteatrof@gmail.com
Sito web:
http://www.festivalamfiteatrof.com/